La Loggia di Z'iacinta

Tiemp faà cavammonte p'e la vianova, c'esteva la loggia di z'iacinta, durant la vernata quand c'esteva la neve e sciva re sole, le femmen. D'è re rione monument se ivene à piglia re sole n'copp'a loggia, eme pareva la spiaggia d'e re poveriell.
Chi quesceva, chi recamava, chi faceva la calza, ma chell che facevene chiu spiss eva cretechia la gent che passava. Passava gesepp e subete carmeluccia deceva poveriell Gesepp. Fatia, e fatia e la moglie nn'arappiccia manch re fuoch. Passat N'tonie e subete felmenuccia quill t è tanta sold e varraiat.
home (Fraraccio Liberato)

home (Duronia)